PARROCCHIA SAN GIOVANNI BATTISTA
PARROCCHIA
COMUNITA'
ATTIVITA'
FOTO
GUESTBOOK
EVENTI E NEWS
SCRIVICI
AREA RISERVATA




APPUNTAMENTI SETTIMANALI

 Domenica 
(VALE ANCHE PER I FESTIVI)
S.S. Messa
ore 9:00 - 10:30 - 12:00 - 18:30.

 Lunedì 
S.S. Messa: ore 18:30

 Martedì 
S.S. Messa: ore 18:30

 Mercoledì 
S.S. Messa: ore 18:30

 Giovedì 
S.S. Messa: ore 19:00 a seguire Scuola di preghiera con Gesù eucarestia : ore 20:00

 Venerdì 
S.S. Messa: ore 18:30

 Sabato 
(VALE ANCHE PER I PREFESTIVI)
S.S. Messa: 18:30
- EVENTI E NEWS -


LEGGI LE NEWS ED I NUOVI EVENTI IN PROGRAMMA




SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI 30/10/2017

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».

Parola del Signore

CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)
Commento su Ap. 7,2-4 1GV. 3,1-3 MT. 1-.12a

Festa di tutti i Santi. Una festa che offre subito un paradosso culturale ancora diffuso tra i cristiani per non dire tra i cattolici, ovvero sia considerare "pochi" i buoni cristiani, i veri cristiani, insomma coloro che possono fregiarsi del titolo di "Santi", e poi invece i testi biblici ci offrono una visione numerica dilatata di santi "il mio sangue, dice Gesù, è sparso per voi e per la moltitudine (Mt. 26,28), e ancora "Dopo ciò, apparve una moltitudine immensa che nessuno poteva contare di ogni nazione, razza, popolo e lingua" (Ap. 7, 9a).

Ricordo come durante il Convegno ecclesiale di Verona (1991), nella mitica Arena, durante la preghiera serale, furono esposti illuminati i volti dei Santi Patroni invocati in tutte le Diocesi italiane...spettacolare. Non era mai stata celebrata così comunitariamente una dimensione di Chiesa rappresentata dall'assemblea festosa dei santi.

Ma chi sono i Santi? Domanda più che legittima, soprattutto quando in diverse cerimonie religiose si invocano tutta una serie di Santi, più o meno emeriti sconosciuti, e che ci lasciano con il punto interrogativo ma chi è?

A questa domanda spesso, nel tempo, si è voluto dare una risposta indicando persone che della loro vita cristiana ne hanno fatto una esperienza di sublimità spirituale quasi, anzi senza quasi, ancestrale ed irraggiungibile niente di più sbagliato, perché santi, con o senza la S maiuscola, sono tutti coloro che semplicemente compiono il volere di Dio, e pertanto vivono costantemente nella "grazia" di Dio "Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, ed esserlo realmente in pienezza." (1Gv 3,1).

I cosiddetti "Santi" del calendario, che tanto amiamo perché in un certo senso ci danno un riconoscimento quasi fisico dell'esserci nel panorama della santità ecclesiale e che spesso consideriamo in termini sociologici, culturali e storici, sono semplicemente dei riferimenti di stile di vita improntata a una vita vissuta concretamente all'ombra delle "Beatitudini", le quali sono affermazioni, non benedizioni o esortazioni, di una realtà che già esiste, ma che ha bisogno di una Parola che la manifesti, e questa parola è Amore, è Cristo che si mette dalla parte dei "non pieni di sé", di coloro che non hanno appoggi sociali, degli ultimi.

Le Beatitudini, pur tracciando la strada della felicità spirituale ed umana, devono saperci inquietare con questo interrogativo presente in uno scritto di Raul Follerau, l'Apostolo dei lebbrosi

"Se Cristo domani, busserà alla mia porta, lo saprei riconoscere? Sarà come una volta, un uomo povero, certamente un uomo solo. Sarà forse un profugo, uno dei milioni di profughi con il passaporto dell'ONU. Uno di coloro che nessuno vuole e che vaga, vaga in questo deserto che è diventato il mondo."


Ecco, Rau Follerau ha saputo inquietarsi incontrando Cristo nelle carni piagate dei lebbrosi, e, dalla sua santità fatta di misericordia verso gli ultimi, ci passa questa sua domanda "Se Cristo domani..."


Riflessioni

- Come singolo e cristiano mi fermo alla pura ritualità calendaristica per ricordarmi del mio impegno cristiano di vivere in santità?

- Come coppia o famiglia sappiamo donarci reciprocamente nella Beatitudine della mitezza sapendoci accettare e perdonare con misericordia?

- Come Comunità o Chiesa sappiamo vivere la santità non solo liturgicamente, ma soprattutto con atti concreti di solidarietà e di accompagnamento verso i "nuovi lebbrosi" della nostra società scristianizzata?


Famiglia Maria Grazia e Claudio Righi - Cpm di Pisa

 
© 2007 :: Comunità Parrocchiale S. Giovanni Battista - Via Chiesa, 6 - 80145 NAPOLI :: Tutti i diritti riservati   ::   Visite: 482533

HOME PAGE DOWNLOAD CHAT GIORNALINO DOVE SIAMO SCRIVICI